Maggiori Informazioni nascondi [X]

05/06/2013: Il balletto...delle società

30/05/2013: Il finanziere Cocco Revelli nuovo AD

15/05/2013: In 250 a piazza Duomo

13/05/2013: I tifosi si mobilitano. Sit-in piazza Duomo

25/03/2013: Lenta agonia

RSS
Redazione
domenica 27 gennaio 2013 - 17:37 (3036 letture)
|

L'Acireale riesce a far sua l'intera posta in palio e la notizia, di questi tempi, è comunque positiva. Certo, nessuno aveva minimamente messo in dubbio che ai ragazzi di Marra la vittoria a Caltanissetta sarebbe sfuggita ma finchè Rabbeni non ha sbloccato su rigore la partita al 14' del primo tempo, nessuno ha celebrato nulla. Nervi definitivamente distesi al 34' quando un autorete di Di Marco ha consentito agli acesi il doppio vantaggio.
Poi un inspirato Rabbeni ( ex insieme a Marra, Maesano,Marchese) al 39' si involava davanti al portiere e lo superava per lo 0-3.
Partita in pratica chiusa già nel primo tempo, tanto che il quarto gol dell'Acireale, firmato ancora da Rabbeni (terza domenica di fila a segno) è stato l'unico lampo degno di cronaca.

Passo obbligato, quello della vittoria sui ragazzini della Nissa, per gli uomini di Marra che adesso sono chiamati a darsi la giusta spinta per risalire la classifica nel doppio turno casalingo da sfruttare al massimo.
Prima il Savoia, in notturna ed in anticipo al sabato, non si sa se con il pubblico - tutto è affidato alla bravura dell'Avv. Grassani - poi il Noto.
Partite in cui occorre assolutamente fare bottino pieno.
Il perchè è presto detto: davanti ai granata nessuno molla di un centimetro, anzi tutte sembrano accelerare. Il Sambiase, che regola di misura il Paternò, e la Cavese, che si impone contro il Montalto, non si lasceranno facilmente riprendere. Nè vuole vestire i panni dell'azzoppato il Palazzolo, che è uscito sconfitto da Vallo della Lucania contro una Gelbison effervescente, ma che tenterà di tutto pur di tirarsi fuori dai playout.
Insomma, le due domeniche del Carnevale non devono riservare alcuno scherzo ai granata, che tradizionalmente mal digeriscono il periodo carnascialesco. Quindi, massima concentrazione e tantissimo impegno.


|
Articolo letto: 3036 volte